Archivio Dicembre 2012

Una spruzzata di neve e tutto quel bianco che rifletteva le luci e rendeva la mattina piu’ chiara del solito. E tutto il bianco a dare quel senso di purezza, di un non so’ che di magico.
Pero’ non sei un bambino almeno anagraficamente, percui tutta una serie di disagi che tutt’ora ci sono perche’ almeno che non vivi in un luogo abituato a questa tipologia di agenti atmosferici non sei attrezzato e non sei predisposto.
Ma la magia che crea almeno in un primo momento e’ spettacolare. Poi tutta una serie di disagi e privazioni e il pensiero che fra tutti i giorni ha scelto quello sbagliato per venirci a trovare.
Non per me … ma per mia mamma … poverina …
Purtroppo il mio umore di questo week-end non e’ comunque migliorato e (per fortuna?) sono giunto sempre alla stessa conclusione: e’ colpa mia. D’altronde questa volta non avevo nessun pretesto per prendermela con qualcos’altro di diverso da me.
E le decisioni che potrei prendere per il mio prossimo futuro (se sono vere le voci e le congetture che faccio) ho paura solo di peggiorare ulteriormente il problema.
Ma penso anche che devo fare qualcosa per migliorare tutta la situazione altrimenti continuero’ a vivere per sempre cosi’ … sempre nel passato e con il pensiero fisso che almeno economicamente posso migliorare.
Mi sono anche accorto che non riesco piu’ a sognare un futuro migliore anche se poggiato su basi irreali. Ma prima almeno riuscivo a farlo.

E d’altronde cos’e’ la vita senza dei sogni?

Comments 2.516 Commenti »

I problemi si sono risolti ma il mio stato d’animo è sempre lo stesso.
Ok che l’ultimo si e’ appena risolto e mia mamma e’ appena tornata dall’ospedale ma in questo week-end sono giunto ad una terribile (per me) conclusione.
Se e’ vero che negli ultimi 2 anni e mezzo il mio stato d’animo e’ sempre pessimo vuol dire che non e’ relativo ai singoli episodi occorsi.
Credo che sia un qualcosa di piu’ profondo e la prospettiva non mi piace neanche un po’.
Non voglio usare brutte parole ma credo che il mio stato depressivo sia molto piu’ grave che lo stato d’animo di un momento derivante da un singolo episodio.
D’altronde se trovo sempre un motivo e risolto questo ne trovo un altro e risolto ne trovo un altro e se non c’e’ me lo invento … allora forse devo cominciare a preoccuparmi.
In questo week-end un po’ lungo mi sentivo a terra e non avevo la forza d’agire. Anche per mia mamma, che aveva bisogno della mia presenza, ho avuto difficolta’ per andare a trovarla.
E se penso agli ultimi 2 anni mi rendo conto che non ho avuto un momento di pace e serenita’. E io non sono cosi’, forse me la prendo un po’ troppo per alcuni episodi che mi accadono, forse dovrei lasciare alle spalle il passato ma il problema che pur sapendolo non riesco a farlo.
Mi si addice il classico proverbio: “predichi bene e razzoli male”
Ma mi intristisce il pensiero che sono diventato cosi’. E non vorrei fosse sintomo di qualcosa di piu’ grave che non voglio e non mi posso permettere.
Forse e’ una delle tante stupidaggini del mio cervello malato e tra qualche giorno, rileggendo, mi verra’ da ridire. IN attesa di tutto questo pero’ mi preoccupo, eccome.
Ho sentito tante di queste storie e poche finivano bene.
Forse ha ragione J. mi manca una … beh lo sai, non c’e’ bisogno di ripetere.
Eppure non penso che basterebbe per risolvere il problema. Forse all’inizio ma poi? E comunque come pensi di riuscire in questo stato?
Quasi non riuscivi prima quando eri “normale” e vorresti riuscire ora? E tu al contrario come ti comporteresti? Beh la risposta la conosci gia’.
Vorrei chiudere come sempre con una frase perlomeno speranzosa ma credo che non sarebbe appropriato in questo caso

 

Comments 42 Commenti »