Archivio Gennaio 2011

appiglio

In questo momento ho mille pensieri e mille problemi.
Per fortuna non sono preoccupazioni e di questo ne sono contento.
Forse qualche mese fa’ li avrei vissuti come tali ma ora riesco a dargli il peso corretto.
Ho scelto la filosofia che alla fine qualsiasi problema si risolve e che non e’ necessario dargli un peso spropositato forse maggiore di quello che alla fine e’ in realta’.
E poi alla fine sono sicuro che tutto si risolvera’, solo un po’ di pazienza e finalmente potro’ usufruire di tutto quello che sto’ costruendo.
In una giornata cosi’ vedo molti spunti di cui essere contento anche se e’ abbastanza alienante il panorama che offre la finestra di quest’ufficio.
Alla fine sono molto fatalista, se le cose dovevano andare cosi’, pazienza (e qui sto’ pensando ad altro).
Mi dispiace solo non aver vissuto quello che in realta’ provavamo.
Ma sono altresi’ convinto che pure lei ha provato qualcosa di vero nei miei confronti.
Devo comunque mettermi il cuore e la mente in pace e pensare che la vita continua.
E forse potrebbe esserci qualcun’altra che sta’ timidamente bussando alla porta della mia vita.
O forse sono solo mie illusioni o il desiderio di trovare un appiglio per dimenticare.
Ma la mia mente deve restare libera e sgombra e pronta ad ogni nuova emozione. Non voglio piu’ vivere nel ricordo, l’ho fatto troppe volte nel passato.
Con la primavera sono sicuro che arriveranno tante soddisfazioni

Comments 1.167 Commenti »

CAMMELLO

Cerco in tutti i modi di guardare avanti nell’immediatissimo futuro.
Non ha senso continuare a guardare indietro vedendo cose che ormai sono andate e che non torneranno.
E poi non sono io quello che ha sempre pensato che il passato non si puo’ rivivere? E che ogni tentativo e’ un fallimento perche’ cercare di essere le persone di un tempo, con i sentimenti e i pensieri di un tempo e’ impossibile?
Mi sforzo di vivere il presente con la convinzione che appena passato questo momento finalmente riusciro’ a godere di tutti gli sforzi e delle sofferenze patite.
E finalmente un po’ di tranquillita’ entrera’ nella mia vita.
Solo allora potro’ impegnarmi a migliorare altri ambiti della mia vita che per forza di cose ora ho dovuto lasciare in secondo piano.
Sono pero’ contento (e lo ripeto da tanto ormai) delle sensazioni positive che ci sono in me. So’ che posso dare tanto e ricevere altrettanto come non mai nella mia vita.
Prima ero una persona che sopravviveva e che pensava “cosi’ e’ la vita”,”cosa pretendi di piu’”, “tu non hai mai avuto la fortuna di altri” …
Adesso sono conscio che posso ambire a grandi cose, magari non riusciro’ mai ad ottenerle ma so’ che che posso ottenerle. Perche’ un discorso e’ sapere di non potere e un conto e’ non riuscire.
E poi tante volte mi sono stupito delle risorse che sono riuscito a trovare dentro di me, dell’insistenza e della resistenza.
Oggi sento una carica positiva nonostante qualche giorno cosi’ e cosi’ e un po’ di errori pagati a caro prezzo forse anche piu’ di quello che meritavo. Ma d’altronde capita, e’ meglio non farsi scoraggiare, affrontare il presente e prepararsi per l’immediato futuro.
Sono sicuro che le cose miglioreranno e guardando indietro saro’ orgoglioso di me.
E in un attimo di ironia mi viene in mente un motto di una pubblicita’:
    ”perche’ IO valgo”

 

autostima

Comments 1.640 Commenti »

telepatia

La verita’ e’ che io, comunque, continuo a pensarci.
Nonostante tutti i miei sforzi di non dargli importanza, di trattarla come amica, di comportarmi con lei come prima senza pensare a quello che e’ successo.
E ad essere onesti per un po’ c’ero quasi riuscito.
N dice che quando prendi una decisione del genere (“basta!”) poi loro se ne accorgono o lo percepiscono e fanno di tutto per farti vacillare sulle tue prese di posizione.
Credo anche io questo, come se ci fosse una specie di telepatia non riconosciuta che ti avverte che l’altra persona cerca e ci sta’ riuscendo di dimenticarti.
In fin dei conti perche’ non crederci? Esistono tanti esempi di comunicazione “non razionale”.
E non e’ anche vero che il nostro cervello ha delle capacita’ non sfruttate? O che ancora non vengono capite?
Ma poi non e’ anche vero che lei ha deciso di chiudere?
Certo, gli puo’ anche far comodo prolungare la situazione di ora ma prima o poi il mio cuore lascera’ questa luce perche’ ho necessita’ di altro.
In questi giorni ho attraversato momenti un po’ di tristezza, di ricordi e mi sono accorto che non ho piu’ la combattivita’ di prima. Mi sto’ rassegnando al suo volere ma non potrei fare altrimenti.
Mercoledi N mi raccontava della sua storia e di quello che gli veniva imputato. Nella sua storia pero’ lui ancora puo’ farla volgere a suo favore.
Io no, ormai e’ tutto chiuso. E forse e’ quello che ho sempre voluto dato che non avrei accettato tutto quello che conseguiva un “happy end”.
E allora cosa voglio? Da un lato vorrei ricominciare ma dall’altro non voglio che diventi qualcosa di veramente serio.
Forse e’ stato propio questo che ha portato alla sua chiusura. Oltre al resto che conosco.

Ah, l’amore … questo folle sentimento che e’ vero anche il contrario.

Eppure un suo sorriso e quel suo modo di parlarmi mi scioglie ancora.
Con il tempo finira’

Comments 64 Commenti »

nuovo2

Primo giorno del nuovo anno …
Primo post del nuovo anno …
“Nuovo”. Un termine che ti fa’ pensare a qualcosa di diverso rispetto al passato, qualcosa che credi sia meglio di quello che e’ vecchio.
Una semplice parolina da’ il via a tutta una serie di aspettative positive.
Le persone ragionano poco su come impostano le proprie parole nel definire qualcosa. Ecco, un classico esempio, “anno nuovo” e tutto il tuo corpo si pone con un aspetto positivo.
Appunto, il nuovo anno … voglio ripartire dalle cose belle del vecchio e cercare di migliorarle ulteriormente. Forse sono stato troppo entusiasta nel rimarcare a me stesso che l’anno scorso e’ stato molto positivo. Quello che ho fatto e ho ottenuto in fin dei conti per molti altri potrebbe essere la normalita’ o addirittura un anno negativo.
Ma poi il positivo/negativo deve essere valutato sulla persona che esprime questi giudizi. E per me e’ stato un anno positivo. Ha avuto anche dei brutti momenti, momenti in cui facevo anche fatica ad addormentarmi ma d’altronde non puo’ filar tutto liscio.
Quello che un po’ mi e’ dispiaciuto e’ il fatto di aver terminato l’anno sentendomi negativo, un po’ triste e un po’ infelice. Almeno ieri sera volevo lasciarmi tutti i brutti pensieri in una scatola da disperdere con l’arrivo del nuovo anno.
Ieri sono riuscito a organizzare la risoluzione di un problema della mia casa, il famigerato tubo del gas. Purtroppo dovra’ rimanere esterno ma a questo punto non mi interessa. Ho buttato via parecchi soldi per poterlo incassare ma all fine dovra’ rimanere esterno. Pazienza, non tutte le ciambelle escono col buco.
Torniamo al nuovo anno, il mio unico augurio e’ che sia soddisfacente come quello passato.
E come milioni di persone poniamo gli obbiettivi minimi del nuovo anno:
- finire casa e andare ad abitarci entro pochi mesi
- ottenere un aumento di stipendio (o nella mia societa’ o in qualche altra)
- avere una vita sentimentale piu’ ricca di quella dell’anno scorso

Con il nuovo anno ho deciso anche di tornare online con il mio blog. La decisione dell’oscuramento era dovuto a curiosi, troppo curiosi che non lo devono essere.
Fra pochi giorni compiera’ anche il compleanno: 6 anni.

Ma ora permettetemi di compiere un augurio di buon anno ad una persona speciale, che ha tanto da dire e tanto da dare: me stesso.

Auguri Massimo, spero che il nuovo anno ti porti tutte le soddisfazioni che desideri e che meriti. Non curarti degli altri, continua per la tua strada perche’ hai grandi valori dentro di te. E ricorda: “Tu puoi tutto quello che vuoi”

Comments 1.869 Commenti »