Archivio Settembre 2010

Semina

 

 

 

 

 

 

 

Nonostante i miei buoni propositi di inizio non e’ stata proprio una settimana positiva e allegra.
Niente di negativo al massimo comunque se escludiamo la discussione avuta con una mia collega. Motivi futili certo, in cui tutti credono che abbia esagerato: la realta’ e’ che deve capire che deve restare al suo posto e non si deve impicciare di quello che non riguarda il mio lavoro.
I suoi attegiamenti e controlli di mammina li tenga per i suoi figli, non per me. So’ che mi potra’ costare cara questa reazione ma non mi sono affatto pentito di quello che ho detto.
Comunque questo non e’ sicuramente l’episodio che ha reso la mia settimana non positiva.
Ormai ho capito che non ho piu’ nessun percorso fattibile per rimettere le cose a posto con il mio ghiacciolino. Mi ha escluso e ha deciso di chiudere in modo definitivo con gesti che sapeva mi avrebbero fatto male.
Evita di parlarmi dicendo che se non lo fa’ e’ perche’ non ha niente da dirmi perche’ altrimenti lo farebbe. Ma so’ che non e’ cosi’, anche prima mi diceva tante cose che erano stupidaggini.
Quando mi passa davanti non mi guarda e fa’ finta di niente.
Sapeva che queste cose mi avrebbero fatto male e che erano le uniche azioni che poteva fare per mettere un macigno su tutto ed evitare ricadute.
Eppure nonostante la sua freddezza so’ che non puo’ ne’ aver dimenticato ne’ aver superato tutto. Credo che una donna sia piu’ abile a superare questi momenti, sopporta meglio la sofferenza generata da queste situazioni. E poi e’ una sua scelta quindi …
Ma quando venerdi’ eravamo vicini e ho sentito tutto quella tensione che veniva generata da noi e’ stato insopportabile fino a che non ho deciso di andarmene perche’ mi stava scoppiando il cuore.
Di parole ne abbiamo dette tante, anche in questa settimana, e ho scoperto altri lati di lei che non mi piacciono.
Per fortuna ieri, anche se e’ iniziata male, e’ stata una giornata positiva. Ieri sera mi sono divertito come difficilmente mi capitava negli ultimi tempi. E’ vero mi ero quasi obbligato, ma che importa? In questo caso il fine giustifica i mezzi.
Mi e’ piaciuta la gente, mi e’ piaciuta la musica, mi e’ piaciuto la voglia di divertimento che avevo e mi sono piaciute le chiacchere del dopo con nuove persone che sai chi sono ma alla fine non avevo mai conosciuto (ma della figuraccia che hai fatto non dici niente?).
Chissa’ e’ un inizio di reazione, non voglio finire come le altre volte a rimuginare per tempo e tempo. Fine? Stop? E noi ripartiamo.
Inoltre ho sviluppato qualche pensiero un po’ su i mesi che verranno. Spero che quest’anno sia positivo come l’anno scorso, anzi meglio. Questi mesi freddi per me non sono mai stati belli (anche l’anno scorso) ma di solito semino per raccogliere dopo.
E almeno le premesse sono quelle (incrocio le dita delle mani e dei piedi).
SI, oggi mi sento decisamente positivo e fiducioso per il futuro.
Cosi’ devono essere i miei giorni, i risultati arriveranno come naturale conseguenza

Comments 4.089 Commenti »

positivo

Un giorno scopriro’ di aver buttato parte della mia vita dietro sogni, ideali e valori che non si realizzeranno mai. E’ uno dei pensieri che mi intristisce di piu’, aver buttato via del tempo per niente.
Tante volte mi guardo indietro e ho proprio questo pensiero.
Aver buttato via alcuni anni della mia vita dietro ad attegiamenti negativi verso il mondo e verso me stesso. E l’ho fatto esclusivamente per colpa mia perche’ ero troppo negativo e scorbutico nei riguardi del nuovo che avanzava.
Ci sono alcune mie foto del passato che mi fanno decisamente paura. E pensare che quelli dovevano essere gli anni piu’ allegri, piu’ spensierati e piu’ positivi …
Pero’ di sbagli se ne fanno tanti nella vita e la bravura e’ nel capire i propri errori e corregersi.
Ora sono decisamente piu’ positivo e allegro verso la vita anche se ho tanti momenti bui in cui rivedo quegli attegiamenti distruttivi ma credo sia umanamente impossibile, almeno per me, essere sempre al massimo.
Ultimamente soprattutto ho un po’ di tristezza addosso … squarciata ogni tanto come stamane da pensieri di positivo. Purtroppo pero’ sono solo momenti.
So’ a che cosa e’ dovuto e non me ne preoccupo piu’ di tanto, nella vita si superano momenti belli e momenti brutti. Non sei il primo e non sarai l’ultimo.
Credo comunque che dovrei anche cambiare qualcosa nella mia vita, nei miei attegiamenti e nelle mie abitudini. Ci sono alcune cose che proprio non vanno come le mie abitudini per quanto riguarda il tempo libero. Dovrei variare un po’, fare nuove cose, andare in posti nuovi, conoscere gente nuova.
Forse un giorno riusciro’ … per ora devo realizzare alcuni sogni. Anzi, un sogno, quello della mia casa. Finire i lavori, arredarla e finalmente andare a viverci.
Poi chissa’ magari aggiungero’ ulteriori problemi ma non vedo l’ora di finire tutto e di costruire una cosa tutta per me, secondo il mio volere e i miei desideri senza dover tener conto di nessun altro.
Manca poco … allegria … e buona settimana

Comments 4 Commenti »

Cielo_plumbeo

Venerdi, ultimo giorno lavorativo di una settimana triste.
A volte mi chiedo che cosa vuol dire essere felice e se e’ un termine che assume lo stesso significato per tutti.
Esistono dei punti in comune in quello che ogni persona definisce con questo nome? Io credo che ognuno da’ una propria definizione a questo sentimento.
E la mia qual’e’? Che intendo io per felicità? E’ un concetto astratto e poco definibile o riesco a trovare delle condizioni che soddisfatte mi fanno sentire in quello stato?
Penso che essere felici vuol dire trovarsi in uno stato magico con te stesso e con gli altri. Penso che la felicita’ vuol dire amarsi ed essere amati. Non credo possa esistere senza l’ultima frase.
Forse e’ proprio questo l’errore, far dipendere un sentimento da altre persone. In questo modo sara’ sempre subordinato e non puro.
Credo quindi che ogni cosa non deve dipendere ne’ dalle valutazioni degli altri ne’ dagli attegiamenti degli altri nei tuoi confronti. Quindi forse dovrei variare la mia idea di felicita’. Ma anche i riferimenti che arrivano dal mondo esterno ti indirizzano verso questa direzione: “E vissero felici e contenti”. Chi non ha mai sentito, letto o ascoltato questa frase.
Forse da piccoli era molto piu’ frequente sentirla, quando il mondo mi sembrava qualcosa di magico e pensavo che il bene trionfava sul male. Poi cresci e ti accorgi che le cose non vanno sempre in questo modo ma che comunque ti devi attenere ai tuoi piu’ alti valori anche se a volte vengono traditi.
Puo’ sembrare piu’ facile attenersi a valori negativi ma alla lunga l’unica persona che perde e’ quella che tradisce se stessa anche se a prima vista puo’ sembrare il contrario.
Sta’ anche finendo l’estate almeno come periodo e oggi, rimanendo in tema, il cielo non e’ di sicuro felice. Non e’ quel cielo splendente e ricco di colori ma leggermente cupo.
E io che sono un po’ umorale ne risento anche se so’ benissimo che mi mento da solo e le motivazioni non sono queste.
Rimpiango quei giorni pieni di lavoro, in cui perlomeno non pensavo a faccende personali e non penavo alla ricerca di soluzioni inesistenti o di soluzioni ovvie non volute.

Comments 9 Commenti »

donne

E’ difficile riuscire a cambiare rapporto fra due persone. Trasformare un rapporto di gran sentimento in un rapporto di sola “amicizia”. Che poi sono convinto che per quanto si possono impegnare due persone difficilmente riusciranno.
Almeno se intendiamo una bella amicizia e non un freddo rapporto fra conoscenti.
Ormai ho alzato bandiera bianca convinto che sia la decisione migliore per tutti e due. Per lei che puo’ ritornare a pensare alla sua famiglia senza sensi di colpi e per me che ho diritto a vivere un qualcosa di normale.
Pero’ nell’ultima settimana mi ha fatto veramente male: le sue parole di quello che pensava, seppur non fossero direttamente offensive nei miei confronti, hanno pesato.
E poi ho avuto strane sensazioni.
Mi sono sentito molto fragile ad esempio, avevo una sensazione di paura come se oltre alla nostra relazione si fosse portata via la mia sicurezza.
E poi il giorno prima mi dice di non voler litigare e il giorno dopo invece sembra che quella voglia sia tornata. Ma a quel punto ero io a non aver piu’ quel desiderio, ormai gli avevo espresso i miei pensieri e non volevo piu’ tornare sull’argomento.
Nonostante questo ha voluto comunque chiamarmi mantenendo le abitudini … ma era una chiamata a chiaro scopo provocatorio. Era molto nervosa e avevo l’impressione che cercasse un motivo per non chiamarmi piu’ o peggio ancora un motivo per troncare il nostro rapporto.
Credo che se non vuole piu’ avere un contatto con me e’ liberissima di farlo ma non deve cercare una motivazione o un motivo per addossare le colpe a me.
Forse era solo nervosa quel giorno o forse nonostante la sua determinazione non e’ ancora convinta e il vedere che questa volta sono disposto a lasciarla andare via veramente l’ha lasciata spiazzata. Perche’, paradossalmente, sembra piu’ in sofferenza lei per la decisione che ha preso.
Ma io non posso continuare cosi’ con questo lungo tira e molla. Gia’ e’ difficile in se’ la relazione se poi ci mettiamo anche il suo lungo tira e molla e i suoi cambiamenti da un giorno all’altro si puo’ capire benissimo di come sia stanco.
Per la prima volta l’ho vista abbastanza determinata e tra l’altro non voglio continuare a vedere che soffre cosi’ per la nostra relazione.
Forse sono solo mie idee che lei non sia convinta al 100%.
Ma comunque ha voluto richiamarmi, continua a cercarmi anche in altri modi.
Spero che sia un modo per avere comunque un bel rapporto e non un tentativo per trovarsi una scusa per chiudere definitivamente.
Eppure oggi che non c’e’ mi manca … nonostante ormai mi devo abituare all’idea che sia finito quel poco che c’era. Forse riusciremo ad avere comunque un bel rapporto ma dovremo volerlo veramente.
Comunque sono rimasto piacevolmente stupito dal mio comportamento, dopo un’iniziale sofferenza mi sono ripreso e ho accettato la nuova situazione con maturita’ e intelligenza. Chissa’ che questa cosa non gli abbia fatto male, io all’empatia ho sempre creduto.
E d’altronde se ha voluto chiudere evitando le cose per lei negative deve anche sapere che per lei finiranno le cose positive e uniche che facevo esclusivamente per lei

Comments 55 Commenti »

cambiare

Finalmente sono riuscito a capire i motivi del suo cambiamento.
L’ultima chiamata mi ha aperto gli occhi non tanto per le cose che ha detto bensi’ per le cose che ho intuito.
Finalmente ho capito i suoi schemi mentali percui durante la settimana tutto bene e magnifico e il week-end quando non ci vedevamo improvvisamente cambiava completamente atteggiamento portandola a dimenticare tutto e a diventare fredda e scostante.
Ha costruito dentro di se tutta una serie di convinzioni su miei comportamenti o frasi che ho detto per denigrarmi davanti al suo cuore.
Ha visto, o voluto vedere, cose negative su ogni cosa anche quelle che potevano essere innocenti, scherzose o positive.
E in ogni cosa possono essere trovati dei punti di vista negativi. Su ogni cosa che facevo riusciva a trovare un mio comportamento percui uscivo con le ossa rotta.
E questa continua campagna negativa nei miei confronti e’ iniziata proprio il giorno in cui (secondo lei) ha capito che non c’era futuro tra di noi. Mentre io chiedevo solo un po’ di tempo per accettare la situazione oggettivamente difficile.
Quello che pero’ mi ha dato piu’ fastidio in generale e’ sentirmi dire che l’avrei indotta a rispondere in un determinato modo.
E poi ho tutta una serie di comportamenti “che non sono negativi in generale ma a me non piacciono” che l’hanno portata a pensare che io non sono l’uomo della sua vita?
Forse dovrebbe considerare che le persone non si amano per come si vorrebbero ma per come sono. Dice che ama ancora lui? Ho qualche dubbio dato che non credo sia una che va’ in giro a cercare avventure. E siccome la storiella e’ proseguita anche nonostante abbia cercato di troncarla piu’ volte …
Una volta ho letto una massima che mi e’ piaciuta molto:
“Un uomo cerca una donna e spera che lei non cambi mai anche se poi cambia, una donna cerca un uomo e spera di cambiarlo ma lui non cambiera’ mai”
E mi chiedo perche’ le donne non riescono ad accettare le persone che dicono di amare cosi’ come sono, con i pregi e i difetti che ci sono. Certo aiutare a migliorare i difetti va’ bene: ma quelli che sono difetti e non le cose che non vanno bene ai loro occhi.
Ma perche’ devono sempre cercare di modellarti a loro piacimento?
Ma quello che non mi va’ e’ che lei abbia costruito tutto un personaggio negativo che non sono attribuendomi sentimenti che non ho assolutamente, facendomi passare come uno frivolo quale io non sono, attribuendomi pensieri che io non ho mai avuto e parole che non ho mai detto.
E tutto questo perche’ aveva paura e voleva salvaguardare la sua vita attuale e la sua figura perfettina. Magari e’ solo una mia illusione, comunque anche io credo che ormai sia giunta il momento di dire stop.
Anche io ho bisogno di vedere un futuro e di avere una persona che mi considera e mi fa’ sentire unico.

Comments 10 Commenti »

bosco2

Se c’e’ un’immagine che mi fa’ felice ora e’ pensare me in inverno (nell’immagine ho il mio bel giubbotto blu scuro pesante) mentre rincaso nella mia nuova casa con il sorriso stampato in faccia e fuori un freddo cane.
Non capisco perche’ sia proprio in inverno questa immagine (forse perche’ ho individuato in quel periodo il mio trasferimento?) e non ad esempio in primavera o estate. Con fuori il sole, i fiori che cominciano a sbocciare e gli uccelli che cinguettano (si, sto’ esagerando).
Ma sono anche abbastanza consapevole che prima di vivere quell’immagine c’e’ ancora molta fatica.
Ecco la mia angoscia, in questo momento sento proprio il peso di tutte le cose e non solo per quello che riguarda la casa. E non ho usato la parola “peso” a caso.
Speravo che con la vacanza appena trascorsa al mio ritorno sarei stato carico ma considerando quello che sento purtroppo non e’ stato cosi’.
Dovrei cambiare il mio stato emozionale, pensare a tutto quello che devo fare e non mi rende appieno felice e modificarle in modo che sia abbastanza divertente svolgerle.
C’e’ silenzio oggi in ufficio a quest’ora, timidamente i raggi solari provano a entrare ma non riscaldano il mio cuore. Sono un paio di giorni cosi’.
Il ticchettio dei tasti del computer accompagnano questi momenti calmi come la musica accompagna le parole.
Risa in lontananza interrompono il silenzio e il vuoto delle scrivanie vicine (ancora per poco), non mi mancano i loro occupanti.Tutt’altro.
Eppure dovrei provare a essere meno orso, uno di quei buoni propositi che mi faccio ogni nuovo anno e che immancabilmente non mantengo. Ma neanche mi interessa mantenere.
Perche’ dovrei cambiare un lato del mio carattere per far piacere ad altri?
Se mi posso permettere. . . vorrei solo meno barriere
Se mi posso permettere. . . vorrei solo un po’ di dolcezza
Se mi posso permettere. . . vorrei solo raggi solari nel mio cuore

Comments 10 Commenti »