Archivio Gennaio 2006

Non credevo riuscisse ancora a farmi del male.
Ma ce l’ha fatta per l’ennesima volta.
Quel discorso e’ uscito quasi per caso, non credo che me ne volesse parlare, probabilmente si e’ morsa la lingua cento volte dopo ma oramai aveva iniziato e doveva concluderlo.
Lo so che fra me e lei non e’ mai successo niente, che e’ passato tanto tempo, che quella era una stupidata etc.. etc.. pero’ io l’ho saputo solo adesso dopo quattro anni.
E quando cercava di spiegarmi capivo che non avevo nessuna voglia di sentire le sue giustificazioni, l’ascoltavo quasi indifferente come se non me ne importasse niente di quello che mi diceva.
Ed era la verita’ anche se sono passati quattro anni, lei ha tradito la mia fiducia.
La mia fiducia!!! E non mi bastano parole del tipo scusa, mi dispiace.
Sono stanco di persone che continuano a chiedermi scusa per quello che fanno e pretendono di cancellare il passato con questo tipi di discorsi.
Perche’ io adesso continuando a ripensare al passato mi rendo conto che tanti bei momenti successi forse non avevano motivo di esistere. E anche tutti i discorsi fatti adesso sul “ti voglio bene”,”sei la mia anima” … forse non sono veri.
Un mio superiore tempo fa’ parlando di lavoro disse “Basta un’impressione negativa per cancellarne cento positive”.
Ed e’ vero, perche’ io adesso di tutto quello che lei ha fatto non vedo niente di positivo, la mia mente mi regala solo momenti negativi.
E nella mia mente continua a esserci l’idea che quello non era l’unico episodio di cui sono all’oscuro.
Anzi ne sono convinto.
E anche se il nostro rapporto e’ basato sull’amicizia come si puo’ continuare con questi dubbi?
Come posso credere anche a tutte le manifestazioni che ha dato ieri ma anche in passato sul suo affetto verso di me?
Ho sempre pensato che fosse una persona molto egoista e ieri ne ho avuto l’ennesima riprova. Crede di potersi comportare come diavolo vuole, tanto poi basta chiedere scusa perche’ tutto ritorni come prima.
Eh no! Troppo comodo.
Le persone devono capire che devono cercare di comportarsi nel modo piu’ corretto possibile verso gli altri perche’ non sempre e’ possibile tornare indietro sui propri errori e farsi perdonare.
Certo lei nei miei confronti ha fatto di ben peggio di questa cavolata che ci ha portati a non vederci e sentirci per oltre un anno e mezzo ma il problema e’ un altro.
Come posso riuscire ancora a frequentarla senza credere che lei per qualche motivo non cerchi di approfittarne della mia persona o si comporti come una vera amica?
Tanto lo so che sono discorsi al vento perche’ fra qualche giorno mi sara’ passata la rabbia, lei chiamera’ e dopo qualche litigata ritorneremo come prima perche’ fondamentalmente sono una persona troppo buona che non riesce a pensare alla vendetta e dona sempre un’altra opportunita’

A roma un mio collega mi ha detto :
“Io perdono ma non dimentico…”
credo proprio che questa frase mi identifichi pienamente.

Comments 4 Commenti »

Mia madre e’ tornata a casa.
Sembra tutto a posto ma dopo aver detto questo incrocio le dita scaramanticamente.
E’ ancora un po’ debole e stanca.

Questi pochi giorni in cui era in ospedale mi ha fatto capire (se ce ne era il bisogno) l’amore fra i miei genitori.
E non e’ una cosa scontatissima dopo 39 anni di matrimonio.
Mio padre si svegliava presto la mattina per andarla a salutare ed entrare durante orari in cui non e’ permesso (circa le 7,30) e poi tornava altre due volte durante il giorno: a mezzogiorno e la sera.
A casa mangiava poco e non si lamentava mai, quando chiamavano parenti per chiedere di come stava sentivo le sue parole sempre commosse quasi fosse sul punto di piangere.
Personalmente, ovviamente, sono stracontento che l’abbiano dimessa.
Anche il mio umore e’ improvvisamente cambiato.
Da triste e compassato e’ diventato un po’ piu’ solare.

Lunedi’ ritorno al lavoro nella mia sede ufficiale. A parte brevi periodi di qualche settimana manco da circa due anni.
Non credo sia cambiato granche’ a parte un sicuro clima tetro.
Pero’ tutto sommato sono contento, rivedere vecchi compagni, conoscerne nuovi del gruppo con cui dovro’ lavorare e poi il nuovo progetto a cui partecipero’ deve essere qualcosa di veramente interessante.
Saro’ in nuovo gruppo ma bene o male, di nome o di vista li conosco quasi tutti.

Giovedi’ tornero’ a giocare a calcetto con il vecchio gruppo. Credo che della mia trasferta a Roma questa sia una delle cose che maggiormente mi ha pesato il non poter giocare a calcetto il giovedi’ sera.

In poche parole settimana prossima ricomincio la mia vita normale lasciata tempo fa’.

Ancora auguri mamma…

p.s. Ho anche lavato la macchina che ormai faceva veramente schifo!!!

Comments 2.292 Commenti »

Dopo un’oretta che sono arrivato in ospedale hanno riportato mia madre dalla sala operatoria.
Appena ci ha visto ha cominciato a piangere, ho sempre saputo che era una persona molto emotiva.
Poche parole, impastate dall’anestesia e dalla stanchezza per dirci che sentiva un po’ di dolore ma che andava tutto bene. Poi dopo poco che era stata messa nella sua stanza ha cominciato a vomitare.
Sembra che sia una reazione quasi normale dopo l’anestesia.
Ha vomitato tre o quattro volte nel giro di un’oretta.
Poi si e’ addormentata.
Il chirurgo dice che e’ andato tutto bene e se segue un normale iter post-operatorio entro 4-5 giorni verra’ dimessa.
Ma a questo non ci credo.
Mia madre, con tutti i suoi problemi, non ha mai eseguito un normale iter.
Ha impiegato sempre un po’ di piu’ della media generale.
Ma qualche giorno in piu’ fa’ poca differenza , l’importante e’ che sia andato tutto bene.

Incrocio le dita …

Comments 52 Commenti »

Fra qualche ora opereranno mia mamma.
La terza operazione in sei anni e per tre patologie differenti.
Certo non e’ un cammino fortunato il suo ultimamente.
Se a questo aggiungiamo altre patologie ancora diverse dalle precedenti che la obbligano a una serie di cure ne esce fuori una cornice quasi tragica.
In questi momenti la immagino nel suo letto d’ospedale nervosa e preoccupata in attesa del momento.
Certo questo intervento non ha nulla a che vedere con gli altri molto piu’ leggero e invasivo e per il quale si prevede una prognosi minima (incrocio le dita) ma e’ pur sempre un intervento.
Ci sara’ pur sempre una anestesia totale e i momenti in cui ti addormentano pensi sempre che esiste una pur minima possibilita’ che non ti svegli piu’.
Casi di malasanita’ sono sotto gli occhi di tutti e l’ospedale dove e’ adesso ricoverata a mio parere non brilla sotto l’aspetto di efficenza.
Certo forse il mio giudizio e’ inquinato da quello che e’ successo due anni fa’ quando non capirono la gravita’ di quello che era successo a mia madre e la rimandarono a casa senza aver risolto il problema.
Anzi, peggiorarono anche la situazione generale dato che secondo loro era colpa di una medicina di cui pero’ mia mamma aveva necessita’.
Comunque questo e’ un intervento di routine e spero che non ci siano errori di nessun genere.

Sono rimasto favorevolmente impressionato in questi giorni dall’atteggiamento di my mother dato che non ha fatto trasparire (almeno davanti a me) nessuna tensione e preoccupazione. Solo ieri dopo la notizia che gli avevano anticipato di un giorno il ricovero l’ho vista un po’ scossa.
Forse e’ stato meglio cosi’, un giorno in meno di preoccupazioni.

Coraggio ma’, supererai anche questa …

Comments 6 Commenti »


Per chi non lo conosce l’eurostar e’ il treno principe della flotta di trenitalia.
Ne esistono di diversi tipi denominati ETR e un numero. Piu’ alto e’ il numero e piu’ recente e confortevole e’ il treno.
Nell’ultimo anno ho avuto la fortuna (?) di effettuare circa un centinaio di viaggi (due a settimana all’incirca) sull’ETR500 (l’ultima versione fino a qualche mese fa’) per un tragitto all’incirca di 600 Km a viaggio che dovrebbe percorre in 4 ore e mezza. Sicuramente delle prestazioni di tutto rispetto per un treno.
Ma qui sta’ il problema perche’ nell’80% dei casi non arriva mai puntuale variando da un ritardo minimo di 15 minuti a un ritardo massimo di anche piu’ di 2 ore (per la verita’ in tre sole occasioni).
Da una mia personale statistica ho calcolato che mediamente il tragitto viene percorso in circa 4 ore e 50 minuti.
Perche’ trenitalia piu’ onestamente non dice la verita’ sul reale tempo di percorrenza considerando anche l’alto prezzo di questi treni? Perche’ vengono dati orari ufficiali su casi sporadici? Non sarebbe piu’ onesto dire che il treno impiega 4 ore e 50 minuti?
Se poi in qualche particolare caso riesce effettivamente ad arrivare in 4 ore e mezza nessuno sicuramente andra’ a lamentarsi.
Patetico e’ l’annuncio del capotreno il quale informa che “trenitalia si scusa per il ritardo e i disagi arrecati”. Perche’ si scusa e il viaggio dopo la stessa storia? E quello dopo uguale? E quello ancora dopo idem?
Tra l’altro devono essersi accorti anche loro che qualcosa non funziona se hanno commissionato uno spot in cui si vede un treno che arriva in ritardo e la promessa che stanno lavorando per migliorare il servizio …

Parliamo di rimborsi.
In caso il treno ritardi per piu’ di mezza ora e’ previsto un rimborso ma di questa cosa non viene quasi mai data comunicazione dal capotreno tramite gli altoparlanti del treno (che vengono utilizzati per altri motivi ma di cui parlero’ piu’ avanti).
Il rimborso consiste in un buono pari al 50% del prezzo da consumarsi entro 6 mesi. Un buono… io gli do’ i soldi e loro mi ridanno indietro un buono… non mantengono le loro promesse e indietro mi danno un buono per di piu’ con scadenza.
E se io nei prossimi 6 mesi non riprendo piu’ il treno?
Io possiedo un abbonamento mensile e per me il rimborso non e’ neanche possibile chiederlo. Infatti su tutte le mie prenotazioni c’e’ scritto “BIGLIETTO NON RIMBORSABILE”.
Di solito un abbonato e’ una persona che dovrebbe avere piu’ diritti rispetto al cliente occasionale mentre io invece non posso neanche richiedere un rimborso. Questa cosa unita al fattore della scadenza mi fa’ un po’ pensare.
Allora, io che potrei usufruire del rimborso non posso richiederlo mentre un cliente occasionale si, forse perche’ e’ probabile che non riuscira’ mai a utilizzarlo.
Tra l’altro a luglio ho effettuato una tratta diversa dalla mia solita (quindi non potevo utilizzare l’abbonamento) e chiaramente anche li’ e’ arrivato in ritardo. Per ripicca (perche’ tanto non avrei potuto usufruirne) ho voluto informarmi su cosa fare per avere un rimborso.
Sono andato alla biglietteria che mi ha indicato la procedura per poter richiedere il rimborso. Mi ha fornito di una lettera gia’ intestata e un modulo da compilare. Bisogna allegare il biglietto e spedirla.
Ad oggi non ho ancora avuto nessuna notizia.

Tra qualche giorno dovrebbero entrare in funzione i nuovi treni sulla nuova linea dell’alta velocita’. La promessa e’ di un ulteriore risparmio di tempo avendo una linea dedicata. Ma se non riescono a mantenere la tempistica attuale possibile che riescano addirittura ad arrivare prima?
Addirittura sara’ possibile connettersi a internet (inizialmente solo all’ intranet di trenitalia), vedere film (credo dato che ci sono degli schermi dentro). Vediamo e speriamo.

Parliamo della comodita’ dei posti. Sono alto 180 cm (cioe’ un’altezza media) e vi posso assicurare che lo spazio di ogni singolo posto e’ esiguo se non addirittura insufficiente. E per fortuna in prima classe la larghezza di sei posti corrisponde in seconda a quella per otto posti.

Ritorniamo agli annunci degli altoparlanti. Ce ne sono di diversi, ne ho selezionati alcuni con qualche commento a seguito:
- “Tra pochi minuti il treno xxx partira’ per …”
Meno male non ho sbagliato treno (e non potete immaginare quante persone si rendono conto solo in questo momento dell’errore)
- “Si avvisano i passeggeri che nella carrozza 5 e’ in funzione il bar”
Quindi se hai sete o fame non ti devi preoccupare (vi consiglio di evitare il caffe’)
- “Tra pochi minuti verra’ servito il pranzo per chi ha prenotato e per chi non lo avesse fatto”
E allora perche’ passa la signorina per le prenotazioni?
- “Tra pochi minuti arriveremo nella stazione …”
Allora non mentivano quei cartelli di colore blu che ho visto prima
- “Per la stazione xyz e’ stato allestito un servizio di taxi al costo di soli 5 euro da prenotare con almeno 60 minuti di anticipo”
Meno male che almeno il tassametro non viene fatto partire con 60 minuti di anticipo (o almeno cosi’ dicono loro)
- “Tra pochi minuti il servizio bar verra’ sospeso”
Quindi se hai ancora sete o fame corri (riconsiglio di evitare il caffe’)
- “Il treno arrivera’ in ritardo causa traffico della rete”
Anche qui traffico? Ma gli eurostar non hanno precedenza su tutti gli altri treni?
- “Trenitalia ringrazia per la preferenza accordata”
Avevo scelta?

Insomma, ma posso viaggiare comodamente senza essere disturbato ogni 5 minuti da questi annunci con la speranza di arrivare in orario?

Comments 203 Commenti »