Archivio Settembre 2005


La sveglia suona. E’ ora. Anche la seconda sveglia inizia a suonare.
Eh si’, perche’ per evitare che non suoni la prima ne ho addirittura due.
E se la prima, appena la sento suonare, mi da’ fastidio la seconda addirittura la odio. Eppure non riesco a farne a meno, ho sempre quella fobia che per qualche motivo la sveglia non suoni.
Spengo tutte e due le sveglie e mi alzo. Scendo giu’ mezzo assonnato e accendo la tv mentre apro il frigo.
Dalla credenza prendo una brioche, dal frigo il succo d’arancia rossa.
La tv la sintonizzo su qualche canale musicale.
Dopo aver fatto colazione torno su’ e vado in bagno.
Ma questi primi minuti della giornata sono veramente traumatici. Rischio sempre di addormentarmi (ammesso che qualche volta non sia successo) sul water. Fino a quando non trovo la forza e il coraggio di alzarmi per buttarmi in doccia.
Apro l’acqua calda ma i primi spruzzi sono veramente freddi. Mi guardo allo specchio e vedo una specie di zombie con gli occhi socchiusi e lucidi.
L’acqua finalmente e’ calda e posso buttarmi sotto la doccia.
Comincio a connettere qualcosa mentre tutta l’acqua scivola sul mio corpo.
Ed eccolo che arriva: finalmente il risveglio.
Gli occhi cominciano a schiudersi, il cervello aumenta i suoi giri e io comincio a ragionare e pensare.
Soprattutto che e’ tardi. Allora, finisco di lavarmi.
Ritorno giu’, mi vesto (sempre che la sera prima abbia deciso cosa mettere altrimenti devo fare pure quello) e ascolto l’ultima canzone.
Sono pronto, apro la porta d’entrata, esco, guardo dentro casa con un po’ di nostalgia.
Ma ormai e’ tardi, sta’ per cominciare una nuova giornata …

… speriamo splendida …

Comments 527 Commenti »